To top
30 Dic

Tutto ciò che si fa credere alle donne. I cliché sono duri a morire

Eccoci all’ultima puntata delle lezioni di moda di Bianca Toesca.

Concludiamo il nostro viaggio nel fashion in sua compagnia con un argomento davvero interessante: i cliché legati alla moda. Sono tutti veri o dobbiamo imparare a diffidare? Scopriamolo insieme.

cliche

Il leopardato è da escort, lo slim è per le magre, il velluto è da professorina, quelle alte non portano il tacco, la mini va smessa dopo i trentacinque. Un sacco di cliché che ci bloccano e che ci impediscono di trovare il nostro stile personale.

La moda è una cosa intima e personale. E anche se ogni donna aspira ad essere unica finisce per acquistare ciò che portano le altre perché è rassicurante. Ma la moda non è portare quello che hanno addosso tutti ma sviluppare uno stile unico andando contro corrente rispetto alle convinzioni e ai cliché.

Il tacco alto è sexy. Sì a condizione di sceglierlo bene e di azzeccare il numero e soprattutto di saperci camminare! Inoltre non tutti i tacchi alti sono chic e la prova è che si può essere molto femminili anche con delle semplici ballerine.

tacchi

Il push-up è irresistibile: ovviamente un seno rotondo è molto seducente, pensate a Scarlet Johansson, ma molti tra uomini e donne trovano assolutamente irresistibile la mancanza di seno di Vanessa Paradis. Certo tutte hanno il diritto di gonfiarsi il seno ma è meglio scegliere una lingerie adatta alla propria taglia: non c’è niente di più squallido dell’intimo ben visibile sotto una canotta o un maglione largo. Occhio ai rotolini di grasso sotto le bracce!

Il leopardato è volgare: sì se il tessuto è chip e indossato male. Ma se lo si accompagna ad una tenuta sobria il rischio non si pone. Adoro il maglione a V in cashmere, il trench elegante, il foulard di lana o seta, il mocassino e la scarpa di classe.

Paillette e strass fanno tanto natale: meglio portarle di giorno ma proprio come accede con il leopardato anche le paillette possono essere domate associandole ad abiti più sobrie. Un cardigan a paillette darà un po’ di pepe ai dei jeans, delle scarpe allacciate di paillette miglioreranno l’umore di un pantalone classico. Un foulard saprà dare un dinamismo ad una semplice giacca.

Exif_JPEG_PICTURE

Per concludere direi: mai seguire la moda se a noi non sta bene adesso perché la moda è portare ciò che ci piace.
E allora divertitevi, osate e siate futili, siate creative e non abbiate paura di sbagliarvi. Portate le dottor martens se vi piacciono con il loro look provocante fanno pensare alla libertà e inoltre si possono portare per giornate intere senza nessun problema. Questo non ha niente a che vedere con il giovanilismo, ma con la bambina che c’è in ciascuno di voi.

Non sono di quelle che amano fissare dei limiti né affibbiare delle date di scadenza, in teoria ci si può permettere qualsiasi cosa a qualunque età, basta che non si tratti di un travestimento e ci permetta di esprimere ciò che siamo. Lo scopo è quello di assomigliare a se stessi e non ad un manichino del negozio.

Lodovico Marenco

Direttore Responsabile di Moda-MadeInItaly.com, appassionato di moda italiana e web; consulente e-commerce e marketing online, specializzato nell'ambito del turismo e del fashion; CEO di LML Company Srl.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.